Sono 11 gli orti ad agricoltura biologica in Perù

[23/5/2016]

In Perù sono già 11 le scuole in cui abbiamo avviato i bio-orti per la formazione degli studenti in ambito di salute, igiene e produzione di alimenti sani. Attraverso gli orti, inoltre, si ottengono i prodotti necessari per integrare la propria dieta in modo equilibrato.
Da quando abbiamo avviato il progetto nel 2013, abbiamo ottenuto la partecipazione di 870 studenti, 81 docenti e 315 famiglie. Ai genitori spetta il compito di gestire l’orto durante le vacanze scolastiche e di partecipare periodicamente a corsi di formazione per migliorare le tecniche agricole di produzione di ortaggi e verdure in modo biologico,  semplice ed economico.
In ogni scuola i collaboratori di Global Humanitaria aiutano i docenti nell’elaborazione di una guida didattica sui bio-orti, grazie alla quale vengono elaborate proposte per utilizzare gli orti nei programmi scolastici di materie come disegno, matematica, lingua, sociologia, ecc.
Tutti gli orti si basano sui principi di agricoltura biologica e utilizzano concimi biologici per migliorare il sostrato (sterco, compost e humus di vermi, ecc.). Genitori e docenti utilizzano insetticidi organici a base di infusione o macerazione di diverse piante con proprietà biocide per il controllo di epidemie e malattie.
Grazie a questo tipo di trattamenti, nel 2015 i bio-orti hanno prodotto un totale di 739 kg di verdure e ortaggi coltivati nelle 11 scuole. In questi orti vengono coltivati, tra gli altri, ortaggi come rapanelli, barbabietole, carote, spinaci, bietole, lattuga, prezzemolo, cipolle, cetriolini e pomodori.

Foto: raccolta di ortaggi nel bio-orto scolastico di Chapa/ I genitori collaborano al mantenimento del bio-orto di Chullunquiani/ Gruppi di lavoro con docenti per l’elaborazione della guida didattica del bio-orto di Coata.